Il game show condotto da Amadeus su Rai1, subito dopo il tg della 20, ha raccolta una media di 5 milioni di telespettatori

Si и conclusa, la scorsa settimana, anche l’undicesima edizione di «Soliti Ignoti», il game show che, avendo superato il giro di boa della mille puntate in onda (la prima, l’11 giugno del 2007), si conferma il programma di intrattenimento di Rai1 piщ visto della stagione (con l’esclusione dei soli eventi come naturalmente «Il Festival di Sanremo» e «Eurovision Song Contest»).

Sono stati mediamente quasi cinque milioni gli spettatori di questo programma che va in onda quotidianamente da settembre a giugno.

Si tratta stabilmente di poco meno del 21% dell’intera platea, sintonizzata fra il Tg1 e l’inizio della prima serata, sulla ricerca delle identitа e sul «parente misterioso» (novitа introdotta con reboot del programma nel 2017). Come si sa, la fascia dell’access prime time (fra le 20.30 e le 21.15) и particolarmente strategica per le reti televisive, e in particolare per le ammiraglie, e presidiarle con programmi «forti» и di grande importanza.

Il pubblico del programma condotto da Amadeus и piuttosto trasversale: riflette, in primo luogo, le caratteristiche della rete, con una solida presenza femminile (24,5% la share ottenuta sulle donne, oltre tre punti piщ della media), e di audience con piщ di 65 anni d’etа (quasi 31% di share sul target).

, con oltre il 15% di share fra i 15-24enni e quasi il 14% fra i 25-34enni.

Ma ritroviamo all’ascolto anche una buona presenza di fasce piщ giovani

, che ha raggiunto talvolta anche gli otto milioni di spettatori. Sul piano territoriale, il programma di Rai1 funziona meglio nelle regioni centrali e meridionali del Paese, con picchi in particolare al Sud (per esempio col 30% di share in Basilicata, e oltre il 26% in Sicilia e in Puglia).

L’introduzione del gioco del «parente misterioso» ha portato alla costruzione di un picco

In collaborazione con Massimo Scaglioni, elaborazione Geca Italia su dati Auditel