Attiva le notifiche per ricevere un avviso ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo in questa sezione.

Sul Corriere Salute: mangiare meno fa ringiovanire... anche il sistema immunitario

La restrizione calorica agisce come una vera e propria «pillola magica», contrastando i fattori che portano gli anziani a essere suscettibili a tante malattie. Se ne parla sul Corriere Salute in edicola gratis con il Corriere della Sera

Pubblichiamo in anteprima parte di un articolo del nuovo «Corriere Salute». Potete leggere il testo integrale sul numero in edicola gratis giovedм 23 giugno oppure in Pdf sulla Digital Edition del «Corriere della Sera».

«La riduzione calorica agisce su molti fattori metabolici e molecolari — spiega Luigi Fontana, direttore del Centro di longevitа e salute dell’Universitа di Sydney e coautore di molte ricerche collegate al trial CALERIE —: sui soggetti testati sono stati misurati una riduzione di tutti gli indici infiammatori e un potenziamento dei meccanismi omeostatici che “ringiovaniscono” le cellule. Nel corso degli anni abbiamo dimostrato che il calo ponderale и legato alla minore produzione di insulina (un potentissimo fattore di rischio pro invecchiamento e pro cancro), a un ringiovanimento del cuore (che diventa piщ elastico) e a una riduzione di tanti processi patologici alla base di malattie cardiovascolari, tumorali, ictus e decadimento cognitivo».

I ricercatori di Yale hanno perт studiato un sottogruppo di 25 persone facenti parte del trial CALERIE e hanno dimostrato che la restrizione calorica aveva fatto ringiovanire anche il loro sistema immunitario agendo sul timo (una ghiandola che si trova sopra al cuore) grazie a una proteina chiamata PLA2G7. Il timo produce i timociti, i precursori dei linfociti T (i «direttori d’orchestra» della risposta immunitaria), ma con il passare degli anni perde in volume ed efficienza. Attraverso la risonanza magnetica gli studiosi hanno notato, nelle persone che avevano perso peso, una minore involuzione del timo rispetto al gruppo di controllo: la dieta era riuscita a rallentare l’invecchiamento della ghiandola e, conseguentemente, del sistema immunitario. Gli scienziati si sarebbero aspettati di trovare qualche differenza nelle cellule prodotte dal timo che evidenziasse questo effetto, ma il sequenziamento dei geni non ha mostrato nulla.

Potete continuare a leggere l’articolo sul Corriere Salute in edicola gratis giovedм 23 giugno oppure in Pdf sulla Digital Edition del Corriere della Sera.