Razze di gatti: la scienza decreta le più belle

Ogni proprietario di felini che si rispetti dirà che il suo animale è il più bello di tutti. Tuttavia, la scienza definisce le razze di gatti più belle: ecco quali.

Quando si parla di bellezza, sia che si tratti di volti umani o di musi animali, la parola d’ordine è sempre una: proporzioni. Solo pochi giorni fa parlavamo della sezione aurea, e di come i visi con il numero più vicino siano considerati più belli. Ebbene, per le razze di gatti è lo stesso.

A riportare lo studio, condotto dalla community All About Cats, è il Daily Mail. Questa ha utilizzato proprio la sezione aurea per stabilire le razze di gatti più belle, e il primo posto è stato conquistato a pari merito da tre specie: il Norwegian Forest, il Russian Blue e il Manx. Tutti possiedono proporzioni molto vicine alla sezione aurea, a distanza di appena 0,03 punti. Al secondo posto un altro pareggio, il Ragamuffin e il Siberian, a 2 centesimi di distacco dai primi. Scendendo di qualche posizione, sino al decimo posto, troviamo il Korat, l’Ocicat e il Ragdoll: tutti sono a 0,14 punti dalla sezione aurea. L’ultimo posto è invece occupato dall’Himalayan, con 58,49 punti di stacco dal numero della sezione aurea.

Del primo e secondo posto abbiamo già visto: in terza posizione si piazza l’American Curl, a 0,06 punti di stacco. Al quarto il Selkirk Rex e il Siamese, a 0,07 punti. Al quinto il Maine Coon, con 0,09 punti. Al sesto il Mau Egiziano e l’Angora Turco, con 0,1 punti. Al settimo il Bobtail americano, con 0,11 punti. All’ottavo il Whitehair americano, il Birman e il Pixiebob, a 0,12 punti. Al nono l’American Shorthair, con 0,13 punti: del decimo abbiamo già accennato. All’undicesimo troviamo il Chartreux, con 0,15 punti.