Prendere la decisione giusta è possibile? La scienza dice sì

Secondo la filosofa Ruth Chang non è l'assenza di rischi a rendere una scelta migliore dell'altra. Ma è l'impegno che mettiamo per perseguirla

E allora, come possiamo prendere la giusta decisione? Come possiamo sapere che davvero quella scelta non influenzerà in maniera negativa la nostra vita e tutto ciò che la riguarda? A provare a rispondere a questa domanda ci ha pensato Ruth Chang, filosofa e docente di Oxford che è più volte tornata sull’argomento fornendoci diversi interessanti spunti.

Intendiamoci, la sua non è una formula magica in grado di cambiare le cose o di permetterci di prendere qualunque decisione a cuor leggero, ma è una prospettiva diversa dalle solite che tutti dovremmo conoscere.

Per Ruth Chang, invece, non sono i pro e i contro a fare di una scelta quella giusta, ma il nostro impegno nel perseguire quella decisione nel presente e nel futuro perché è questa capacità a far valere le ragioni e a diventare fonte di soddisfazione.

Pensare che nelle scelte difficili un’alternativa è migliore dell’altra è sbagliato secondo Ruth Chang, così come lo è preferire l’opzione meno rischiosa, perché i rischi li corriamo sempre, nel bene e nel male. Al contrario, invece, l’impegno che mettiamo nel portare avanti una nostra scelta può fare la vera differenza.