Neurochirurgia, al Ruggi eseguito intervento con una tecnica innovativa

Neurochirurgia, al Ruggi eseguito intervento con una tecnica innovativa

Il dottor Scrofani segnala un'inversione di tendenza: "Dal nord vengono qui da noi a farsi operare. Nelle ultime settimane ho operato un paziente svizzero, un paziente triestino ed ho in lista altri pazienti provenienti da fuori regione"

Un intervento chirurgico con una tecnica innovativa è stato effettuato all'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno dal dottor Raffaele Scrofani, neurochirurgo che da maggio opera presso la Clinica Neurochirurgica del nosocomio salernitano, diretta dal professore Giorgio Iaconetta. L'intervento in questione, effettuato su un paziente proveniente dalla Svizzera, contempla una procedura vertebrale innovativa: inserire una protesi discale lombare attraverso un accesso laterale con piccole incisioni al paziente, anziché da dietro, come si è sempre fatto. "In tale intervento - spiega Scrofani, che opera in team con i dottori Ettore Amoroso e Nicola Narciso - la schiena non viene toccata, i muscoli restano solidi ed il paziente si alza in piedi il giorno dopo".  

Scrofani, che proviene dall'ospedale di Trieste e che ha lavorato presso gli ospedali Galeazzi di Milano, Careggi e Meyer di Firenze, segnala un'inversione di tendenza rispetto alle abitudini dei pazienti. "Dal nord - spiega -  vengono qui da noi a farsi operare. Nelle ultime settimane ho operato un paziente svizzero, un paziente triestino a cui ho inserito due protesi cervicali, ed ho in lista altri pazienti triestini o comunque fuori regione. È giusto che i cittadini salernitani sappiano che qui a Salerno si fa una buona chirurgia vertebrale mininvasiva innovativa, e che non sono necessari i famosi 'viaggi della speranza' verso lidi noti che offrono una chirurgia ormai superata. Io ho sempre vissuto al nord dove sono cresciuto e formato, e voglio investire tutto quello che ho appreso in questi anni in questa realtà molto piu complessa e difficile, ma che sicuramente merita".