Mondiali nuoto paralimpico: Italia campione del mondo con 43 medaglie Fiamme oro

Mondiali nuoto paralimpico: Italia campione del mondo con 43 medaglie Fiamme oro

Nazionale nuoto paralimpico mondiali funchal 2022Si sono conclusi a Funchal, nell’arcipelago di Madeira (Portogallo), i Campionati del mondo di nuoto paralimpico con l’Italia che ha dominato nella maggior parte delle categorie vincendo in totale 64 medaglie, risultando prima nella classifica finale della manifestazione con 27 medaglie d’oro, 24 d’argento e 13 di bronzo.

Il segreto vincente della nazionale italiana campione del mondo si chiama Fiamme oro, perché gli atleti del Gruppo sportivo della Polizia di Stato hanno portato a casa 43 medaglie: 23 d’oro, 10 d’argento e altrettante di bronzo.

Numeri importanti che denotano, da parte delle Fiamme oro, una grande programmazione e, soprattutto, voglia di non accontentarsi mai. Ma tutto ciò non sarebbe possibile se lo staff della Polizia di Stato non avesse un ottimo rapporto con i club civili con i quali gli atleti sono anche tesserati. Grazie a questa collaborazione si diventa più forti e ne beneficia soprattutto la nazionale italiana con i risultati conseguiti a questi mondiali dai ragazzi guidati dal direttore tecnico della nazionale Riccardo Vernole.

Simone Barlaam si è messo al collo altre tre medaglie d’oro nei 100 dorso S9, facendo registrare il nuovo record del mondo, nei 400 stile libero S9, con il record europeo, e nei 50 stile libero S9.

Anche Stefano Raimondi ha incrementato il suo personale bottino di medaglie con l’oro nei 100 farfalla S10 e nei 100 dorso S10, mentre nei 100 stile libero S10 ha vinto l’argento.

Barlaam e Raimondi sono stati anche protagonisti della conquista dell’oro da parte della staffetta 4x100 stile libero mista.

Gradino più alto del podio anche per Antonio Fantin nei 50 stile libero S6 e doppio trionfo per Francesco Bocciardo nei 100 e 200 stile libero S5.

Oro e argento per Angela Procida, rispettivamente nei 200 stile libero S2 e nei 50 dorso S2, mentre Monica Boggioni aggiunge altre due medaglie d’argento alla sua bacheca personale, nei 100 e 200 stile libero S5.

Anche Carlotta Gilli ha incrementato il suo bottino vincendo l’argento nei 200 misti SM13 e il bronzo nei 400 stile libero S13.

Infine, Vincenzo Boni, che è salito due volte sul podio mondiale con al collo l’argento nei 100 stile libero S3 e il bronzo nei 200 stile libero S3.