Torreira aspetta ancora Ma non arrivano segnali

L’entourage del regista conferma che Lucas vorrebbe restare a Firenze. Lo sconto chiesto dal club viola è un ostacolo. Il tempo passa e c’è concorrenza

Da una parte la sua amata Celeste, dall’altra l’incertezza sul futuro. Lucas Torreira prosegue la sua partita estiva su un doppio tavolo. In campo la scorsa notte in Arizona nella vittoria per 3-0 contro il Messico in preparazione al Mondiale, con all’orizzonte la sfida agli Stati Uniti prima di concludere la parentesi nazionale con la Giamaica a Montevideo.

Sull’altro tavolo l’incertezza su dove giocherà la prossima stagione. Riavvolgiamo il nastro. Martedì scorso la Fiorentina ha lasciato scadere l’opzione d’acquisto che aveva per riscattarlo dall’Arsenal a 15 milioni.

Pradè e Barone hanno deciso di correre il rischio, anche perché mancava pure l’accordo con Torreira ed il suo agente. O meglio, l’accordo della scorsa estate (triennale a 2,75 milioni a stagione al giocatore e circa 1,5 milioni di commissione a Bentancur) la Fiorentina avrebbe voluto ritoccarlo al ribasso.

Niente da fare. Da martedì in avanti l’entourage (per volontà di Torreira) ha comunque concesso 48 ore ulteriori di ‘prelazione’ alla Fiorentina. Scaduto anche questo periodo, senza che il club abbia mosso un dito, si è arrivati allo stallo delle ultime ore.

L’impressione è che la Fiorentina aspetti il confronto con mister Italiano per decidere il da farsi. Il costo del cartellino non potrà alzarsi troppo (il calciatore ha il contratto in scadenza con l’Arsenal nel 2023), ma ci sarebbero già almeno un paio di proposte da squadre italiane sul tavolo di Torreira. L’idea Valencia non sembra una minaccia: Lucas vuole rimanere in Italia.

Il classe 1996, intanto, ha aggiornato la biografia su Instagram togliendo ‘Giocatore della ACF Fiorentina’. Nell’era dei social, un segnale di non poco conto. Ma è solo l’ennesima conferma dell’umore grigio di Torreira. Le ultime settimane in viola non sono andate come avrebbe sperato. Nonostante questo la Fiorentina resta la sua priorità ed aspetta con ansia una telefonata di Pradè. Ancora qualche giorno garantito di attesa, poi davvero comincerà ad ascoltare altre proposte. Impressione? Più passa il tempo, più le possibilità di permanenza in viola diminuiscono.