Pinterest si è quotato in borsa - Il Post

Pinterest, la società che possiede il sito per prendere nota di cose trovate online attraverso segnalibri visivi (“pin”), si è quotata alla borsa di New York e il prezzo delle sue azioni è cresciuto del 25 per cento durante la prima giornata: il prezzo dell’offerta pubblica iniziale (IPO) era di 19 dollari; alla chiusura erano arrivate a 24,89. Il risultato è stato molto più positivo delle aspettative: era stato previsto che le azioni avrebbero avuto un valore compreso tra i 15 e i 17 dollari. Il valore della società è di circa 15,8 miliardi di dollari.

I profitti di Pinterest derivano dalla pubblicità presente in mezzo ai pin caricati dagli utenti. Negli ultimi anni sono aumentati: nel 2016 erano stati pari a 298 milioni di dollari; l’anno scorso sono arrivati a 755 milioni.

Alla borsa di New York la quotazione più attesa è quella di Uber, il servizio di trasporto privato a metà tra il taxi e il noleggio di auto con autista: si prevede che possa essere valutata a più di 100 miliardi di dollari. Quest’anno ci si aspetta che anche altre aziende basate su piattaforme digitali si quotino in borsa: ad esempio quella del servizio per affittare per brevi periodi case e stanze Airbnb.

La facciata della borsa di New York con una grande insegna dedicata a Pinterest, il 18 aprile 2019 (Spencer Platt/Getty Images)

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta