Bambina di 11 anni muore dopo essersi lavata i denti: “Ha avuto una reazione allergica al dentifricio”
Puoi attivare le notifiche push de Ilfattoquotidiano.it per ricevere gratuitamente aggiornamenti sulle notizie più importanti.

Il servizio è disponibile con i browser Chrome e Firefox su computer desktop e sul browser Chrome sugli smartphone Android.

È possibile sospendere in qualsiasi momento l'invio delle notifiche push selezionando il pulsante di disattivazione che sarà disponibile in questo menu.

Bambina di 11 anni muore dopo essersi lavata i denti: “Ha avuto una reazione allergica al dentifricio”

. Succede in California, negli Stati Uniti, come riporta il Mirror. Monique Altamirano, la madre della piccola Denise, ha raccontato ai quotidiani locali che sua figlia si stava lavando i denti nel bagno di casa assieme alla sorella quindicenne quando si è sentita soffocare

Una bambina di 11 anni è morta poco dopo essersi lavata i denti a causa di una reazione allergica al dentifricio, come ha spiegato la mamma. Succede in California, negli Stati Uniti, come riporta il Mirror. Monique Altamirano, la madre della piccola Denise, ha raccontato ai quotidiani locali che sua figlia si stava lavando i denti nel bagno di casa assieme alla sorella quindicenne quando, all’improvviso, questa l’ha chiamata dicendole che la sorella più piccola non riusciva più a respirare. Quando la donna è arrivata ha visto la bambina con le labbra blu e ha subito chiamato i soccorsi ma per lei non c’è stato nulla da fare: Denise è morta soffocata.

Monique sostiene che a causare la morte della figlia sia stato il nuovo dentifricio che le era stato prescritto dal dentista per sbiancare i denti: “Le ha tolto l’ossigeno”, ha spiegato ai giornali. Tra gli ingredienti del dentifricio in questione infatti, c’era anche una proteina derivata dal latte, sostanza a cui la bambina era allergica, e i genitori non si erano accorti che figurava tra gli ingredienti sull’etichetta del prodotto.

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi : evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy