Scoperto in Kenya un “leone africano” gigante, molto più grande di un orso polare - La Stampa

Un carnivoro gigante, molto più grande di un orso polare: i denti e frammenti di vecchie ossa datati 23 milioni di anni scoperti in Kenya hanno permesso di identificare uno dei più grandi mammiferi carnivori che viveva sulla Terra.

L’animale inquietante, soprannominato “Simbakubwa kutokaafrika” (grande leone africano) pesava 1.500 chilogrammi ed è stato in grado di attaccare gli animali delle dimensioni di elefanti e ippopotami.

«Visti i suoi denti enormi, Simbakubwa era un iper-carnivoro», dice Matthew Borths dell’Università di Duke, .

I resti dell’animale - un pezzo di mandibola inferiore con un canino, un premolare e un molare e altri denti e qualche osso - sono stati trovati già da decine di anni, ma erano stati attribuiti a una specie più piccola, Hyainailouros napakensis. I risultati erano attesi al museo nazionale di Nairobi.

Secondo i ricercatori, l’animale è morto relativamente giovane. Tuttavia, la sua mascella è molto più grande di quella di un leone adulto. «Con i suoi canini poteva tranciare la carne, mentre i suoi molari gli permettevano di rompere le ossa”, precisa un comunicato.

Simbakubwa visse circa 23 milioni di anni fa, all’inizio del Miocene.